78^ Assemblea Generale di AVIS Chianciano Terme

 

Percorsi, qualità e innovazione, oltre a tanta voglia di partecipazione e socializzazione: sono state queste le parole chiave della 78^ Assemblea generale AVIS, che si è svolta da venerdì 16 a domenica 18 maggio a Chianciano Terme (Si), presso il Palamontepaschi.

Sofia Facchin

Oltre alle date del nostro Tour estivo targato Riso fa Buon Sangue, ci sono moltissimi altri eventi legati alla “donazione” e alla sua promozione, in tutte le sue sfaccettature. Uno di questi e il più importante è stata la 78^ Assemblea Nazionale Avis, dal titolo “AVISLab: percorsi di qualità e innovazione” che, per la seconda volta in tre anni, si è svolta in Toscana, a Chianciano Terme (Si).

Dopo l’esperienza di Montecatini Terme del 2012, da venerdì 16 a domenica 18 maggio 2014, a Chianciano, presso il Palamontepaschi, si sono riuniti 1300 volontari tra delegati e gruppo giovani, tra cui Federico Marangoni, Responsabile Giovani presso Avis Regionale Veneto, da quest’anno partecipe all’organizzazione del tour Veneto con il gruppo giovani.

La giornata si è aperta alle ore 14.00, del 16 maggio, con l’intervento di Giuliano Poletti, Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, che ha ribadito la certezza della prossima stabilizzazione del 5 per mille da parte del governo.

I temi di cui si è discusso sono stati molti, ma tutti ugualmente importanti perché un’associazione come quella dell’Avis ha sempre bisogno di meditare su di sé e sullo stato di coordinazione tra le varie sedi che la compongono. Si è parlato, quindi, di associazionismo e di volontariato, dal valore della raccolta dati, alle motivazioni dei volontari stessi, tema non marginale in quanto sono davvero l’anima dell’AVIS. A tal proposito, Federico Marangoni mi ha confessato: “il seminario sulla motivazione, secondo me, è stato fondamentale per riprendere il filo del Forum Nazionale Giovani Avis di Roma svoltosi il 15 e 16 maggio”, che non a caso, si intitolava “MotivAzione: dalla scelta del dono all’impegno associativo”. Il Forum si proponeva di analizzare il percorso che porta il singolo donatore a diventare poi anche volontario, ovvero collaboratore attivo, magari concludendo il suo percorso impegnandosi in una carica associativa.

Altri argomenti dibattuti: l’accreditamento delle strutture trasfusionali e le recenti pubblicazioni della carta etica e del libro bianco, due testi fortemente voluti dall’AVIS che hanno lo scopo, il primo, di indagare e favorire la crescita associativa, il secondo, di analizzare il sistema trasfusionale italiano.

L’Assemblea” ha detto il presidente Nazionale dott. Vincenzo Saturni “è stata ricca di contenuti, un vero e proprio laboratorio partecipato e continuo su molti fronti. Il nostro fine è riuscire a mettere in pratica i concetti di qualità e innovazione a cui ci siamo ispirati dall’inizio, trasformandoci in un laboratorio attivo 365 giorno all’anno, con la forza di 1.330.000 soci”.

A chi guarda da fuori, un’assemblea di questo tipo, può sembrare una noiosa giornata di lavoro, ma in verità sono questi ritrovi che permettono all’Avis di essere una associazione coesa, sempre pronta a valutarsi e rivalutarsi, nonché a promuoversi. Inoltre, è grazie a questi incontri che nascono sodalizi come quello con la nostra associazione di Riso Fa Buon Sangue e noi non possiamo che essere orgogliosi di unire le nostre forze a quelle dell’Avis.

Buona settimana a tutti, a presto!

Un pò di vostre foto raccolte qua e la su Facebook

Questo slideshow richiede JavaScript.